Come trapiantare piante stabilite

Come trapiantare piante stabilite

In Questo Articolo:

Semplifica la pulizia dei trapianti mantenendo il terreno su un telo.

Nonostante le buone intenzioni dei giardinieri, le piante a volte finiscono in punti non ideali. Le mosse riuscite richiedono la preparazione di nuovi siti e delle piante stesse. Le piante stabilite possono subire shock quando vengono spostate, anche se si trovano solo attraverso il cortile. Che si tratti di spostare alberi, arbusti o fiori perenni, si applicano gli stessi principi di base: trattenere il più possibile il sistema radicale e ridurre al minimo lo stress della pianta. Una corretta semina e post-terapia aiutano a evitare lo shock da trapianto e aumentano il successo del trapianto.

Mosse temporali

I tempi ottimali di trapianto variano in base alla posizione e alle piante coinvolte. Le piante più piccole e più giovani possono essere spostate più facilmente e recuperano più velocemente rispetto alle piante mature e consolidate. In generale, tempo il trapianto per consentire alle radici delle piante un sacco di tempo per stabilire prima dei colpi più duri della stagione. Nei climi settentrionali, i trapianti primaverili si insediano durante estati moderate, molto prima dell'arrivo dell'inverno. Nei climi meridionali, la semina autunnale consente alle radici di stabilirsi negli inverni miti prima che colpisca il caldo estivo. Molti alberi e sempreverdi trapiantano bene all'inizio dell'autunno in tutti i climi. I professionisti della scuola materna locale o gli uffici di estensione della contea possono aiutare a determinare quale tempistica si adatta meglio al tuo caso.

Pianificare in anticipo

Le piante di grandi dimensioni sacrificano molte radici quando vengono spostate. Anche su alberi di grandi dimensioni, la maggior parte delle radici rimane entro 1 piede dalla superficie, ma si estende orizzontalmente da due a tre volte l'altezza o la diffusione della pianta. Spostati dal loro posto con poco preavviso, le grandi piante subiscono shock causati dalla loro improvvisa perdita delle radici. Prepara grandi trapianti potando le loro radici durante la dormienza, sei mesi o più prima del trasloco. Stabilisci quanto è grande una zolla che intendi scavare e muovere. Quindi taglia le radici con una pala affilata, a pochi centimetri dalla tua immaginaria linea di scavo. Questo stimola la crescita di nuove radici all'interno di quel confine per bilanciare le perdite future.

Preparazione dei siti

Prima di sradicare una pianta, prepara il nuovo foro di semina. Assicurati che il sito soddisfi le esigenze della tua pianta per sole, terreno, drenaggio e dimensioni mature. Scava la buca due o tre volte più larga della zolla che prevedi di scavare e all'incirca la stessa o leggermente meno profonda. Una volta spostate, le piante dovrebbero crescere allo stesso livello o leggermente più in alto di quanto non fossero in precedenza. Usa una pala per raschiare i lati del foro in modo che le radici possano penetrare e diffondersi. Non aggiungere emendamenti o fertilizzanti al suolo; lasciare il terreno nel suo stato nativo. Gli emendamenti possono creare un effetto contenitore, simile a quello di una vasca da bagno e far circolare le radici; i fertilizzanti possono danneggiare le radici dei trapianti vulnerabili.

Piante da trapianto

Pianifica le mosse per giornate fresche, nuvolose e calme senza che il vento si secchi. Piante acquatiche bene qualche giorno prima e segna i lati rivolti a nord. Scava le piante potate alla radice nelle linee designate. Scavare altri più grandi che possono essere spostati comodamente. Fai attenzione alle principali radici laterali mentre scavi e vai sotto quella profondità. Metti le piante in contenitori o proteggi le radici con tela o tela e ripiantale immediatamente. In un nuovo sito, centra una pianta nel suo buco. Aggiungi più terreno sotto per sollevarlo più in alto, se necessario. Riempi il buco con il suo terreno originale a circa due terzi del modo pieno, quindi riempi il buco con acqua e lascialo drenare. Completa il riempimento del buco, rassoda leggermente il terreno e innaffia di nuovo.

Prendersi cura dei trapianti

L'umidità regolare è essenziale durante i primi tre mesi di un trapianto. Anche le piante resistenti alla siccità necessitano di un'umidità costante del suolo durante questo periodo di insediamento delle radici. Troppa acqua può essere dannosa quanto troppo poca. Monitorare l'umidità a mano; scavare una cazzuola per grandi piante. Mantieni il terreno umido ma mai saturo. Di solito è sufficiente un pollice di acqua settimanale, comprese le precipitazioni. Regola il tempo e la stagione. L'irrigazione profonda una volta alla settimana è meglio di molte innaffiature poco profonde nella maggior parte dei terreni. L'irrigazione profonda favorisce la crescita profonda delle radici. Il pacciame organico da 2 a 3 pollici regola la temperatura del suolo e trattiene l'umidità. Tieni il pacciame a qualche centimetro di distanza da tronchi o steli di piante.

Istruzioni Video: Zollatura di Alberi di Leccio (Quercus ilex) - Vivai Frappetta - Roma.

Ti Piace? Condividi Con I Tuoi Amici:
Aggiungi Un Commento