Tipi di alghe alle Hawaii

Tipi di alghe alle Hawaii

In Questo Articolo:

Le specie invasive di alghe si sono lavate sulle spiagge hawaiane e hanno intasato le coste.

Le alghe marine, chiamate limu alle Hawaii, hanno ricevuto molta attenzione negli ultimi anni. Esistono circa 500 tipi di alghe marine, ma quasi 300 non sono nativi delle Hawaii e stanno distruggendo le barriere coralline dello stato. Gli scienziati hanno creato una macchina chiamata Super Sucker, che può staccare fino a 800 libbre di alghe nocive in un'ora. Un altro problema che circonda le alghe è che molte specie nocive assomigliano alle specie native, causando confusione durante la rimozione.

Ahnfeltiopsis Coccina Limu Aki'aki

Un'alga nativa commestibile, l'ahnfeltiopsis coccina limu aki'aki si trova di solito sulle isole Hawaii, Maui e Kaui. L'alga, che è una rodofita o alga rossa, cresce sia in spessi e maturi crepe che nelle fessure della roccia basaltica. Al sole, assume un colore giallo; all'ombra appare rosso scuro o marrone.

Codium Edule Limu Wawae'iole

Il codium edule è una clorofita, o alga verde, comunemente venduta nei mercati hawaiani. Il nome della sua specie si traduce in "zampa di topo" a causa dell'aspetto biforcuto dell'alga. C. edule è morbido e assume l'aspetto del feltro, con un corpo spugnoso e rami biforcuti. Originario delle Hawaii e presente in tutte le aree, questa è un'alga commestibile molto comune.

Alghe spinose

Chiamata anche alga spinosa, l'acanthophora spicifera è un grosso problema per le barriere coralline e i diportisti delle Hawaii. È la specie invasiva più comune nello stato. Prospera in tutte le isole e in quantità così grandi che l'eradicazione, o persino il controllo, delle alghe non è possibile.

L'alga spinosa si diffonde in due modi. Si attacca alla barriera corallina e sorpassa le specie autoctone e si rompe e galleggia, attaccando gli scafi delle barche e intasando l'acqua.

Gorilla Ogo

Il gorilla ogo, il nome della specie gracilaria salicornia, è un'altra alga invasiva non autoctona. Il gorilla ogo si rompe in piccoli pezzi e si sposta sulle spiagge delle Hawaii, rendendo l'acqua meno desiderabile per nuotare e quindi influenzando l'economia turistica locale.

Il gorilla ogo non viene utilizzato come cibo da nessuno degli abitanti della barriera corallina, quindi interrompe il loro habitat e la catena alimentare in quanto sostituisce le alghe più benefiche.

Ogo lungo

Gracilaria parvispora, o long ogo, era l'alga più comune nei mercati hawaiani fino agli anni '70. A causa della sua selvaggia popolarità come ingrediente di molti tipi di cucina, il lungo ogo è stato sovraccaricato e il governo ha limitato la sua crescita.

Gli hawaiani tradizionalmente coltivavano un lungo ogo nei cestini galleggianti nei laghetti. Quando ha iniziato a essere raccolto sulle scogliere, si è verificata rapidamente una crescita eccessiva che ha minacciato specie e habitat autoctoni. L'ego lungo è ancora ampiamente usato oggi, anche se ci sono restrizioni sul suo raccolto.

Istruzioni Video: Oceania - Vaiana "Oltre l'orizzonte" ("How far I'll go") - Clip dal film.

Ti Piace? Condividi Con I Tuoi Amici:
Aggiungi Un Commento